Dog Trekking: cani ed esperienze in natura!

di Irene Donegana

Che cosa c’è di meglio per rigenerarsi e ricaricarsi di un trekking in collina o in montagna? D’estate o in primavera o magari tra i colori dell’autunno o ancora, immersi nella neve d'inverno?
La risposta per un cinofilo è, ovviamente, soltanto una: la compagnia del proprio cane! Per questo è nata l'attività di Dog Trekking o passeggiate collettive con il cane.

Ma cosa sarebbe con esattezza un Dog Trekking? Beh, è semplice: un’escursione pensata apposta per i proprietari di cani, organizzata e guidata da Educatori Cinofili che sappiano creare un gruppo armonioso e sereno, che conoscano la comunicazione del cane e che siano in grado di costruire interazioni positive.

E quali sono gli ingredienti di un Dog Trekking perfetto? Analizziamoli con calma.

  • La location: dei bravi Educatori sapranno scegliere un contesto paesaggistico adatto a tutti, camminatori esperti e non, senza dislivelli eccessivi né difficoltà tecniche di grado troppo elevato per permettere a tutti i proprietari di potersi concentrare sul proprio cane e sulle interazioni di quest’ultimo con gli altri partecipanti, senza tuttavia rinunciare alla bellezza del paesaggio. 
  • I cani: il loro numero può variare molto, fino a massimo una ventina. Ciò dipende molto dalle eventuali problematiche comportamentali, motivo per cui è di fondamentale importanza che tutti i quadrupedi iscritti al trekking siano stati sottoposti a un incontro conoscitivo preliminare con gli Educatori che guideranno il trekking, così da poterne valutare il grado di socializzazione inter ed intraspecifica, eventuali criticità comportamentali di aggressività o fobia e via dicendo. Ci sentiamo di sconsigliare vivamente la partecipazione a trekking in cui i binomi vengono accettati a scatola chiusa: un errore grossolano che può compromettere l’equilibrio del gruppo e creare situazioni pericolose per l’incolumità di tutti!
  • Gli strumenti di gestione: per permettere ai cani presenti di comunicare fra loro in maniera sana e sicura è necessario che tutti i proprietari utilizzino pettorina ad H e guinzaglio di 3 metri di lunghezza e che questi ultimi siano utilizzati in maniera corretta ed appropriata. Sarà a discrezione degli Educatori Cinofili responsabili decidere eventuali momenti di libertà dal guinzaglio, anche in base ai regolamenti forestali della zona scelta.
  • Un pranzo in compagnia, magari in qualche splendida baita di montagna, tra prodotti tipici, per condividere l’esperienza appena vissuta e chiacchierarne insieme, scambiando qualche consiglio e suggerimento.

I vantaggi di un Dog Trekking ben organizzato sono molteplici: le interazioni che si creano, seguite e guidate dall’occhio esperto degli Educatori, contribuiranno allo sviluppo emotivo e comportamentale dei cani presenti, migliorandone, ove possibile, eventuali difficoltà di gestione. Si tratta di un’esperienza che può accrescere notevolmente il bagaglio esperienziale di ogni cane e dei suoi proprietari, vivendo una giornata fuori dal comune immersi nella natura e, perché no, creando una nuova rete di conoscenze ed amicizie a due e a quattro zampe!

Il Centro Cinofilo HOPPIPOLLA, ad esempio, organizza ogni mese un Dog Trekking sui sentieri del Veneto e del Trentino Alto Adige e da Aprile torneranno anche le escursioni guidate in collaborazione con escursionisti esperti, aperte oltre che ai binomi anche a bipedi senza cane!

Scopri i prossimi Dog Trekking organizzati dai nostri partner cinofili nella sezione EVENTI CINOFILI.